Ormai è consolidato il fatto che una sana alimentazione ricca di frutta e verdura cruda, biologica o biodinamica, fresca e di stagione sia in grado di mantenere sano il nostro corpo fisico, mentre forse ancora in pochi si rendono conto dell’importanza del cibo come nutrimento anche per il nostro “corpo sottile” o spirituale.

Per nutrire quest’ultimo si propone questo sintetico elenco di alimenti adatti a ciascuno dei sette chakra principali (ruote o vortici energetici di cui è composto il nostro corpo sottile) compilato in base al colore di ciascun chakra associato al colore degli alimenti ed è indicato anche a chi si dedica alla ricerca interiore, a discipline quali yoga, meditazione o altre discipline a carattere energetico.

Questa associazione potrebbe sembrare banale, ma ha molti riscontri anche con il corpo fisico a cui il chakra è collegato e conferma anche il fatto che il corpo fisico e il corpo sottile sono inseparabilmente collegati per cui un malessere spirituale si ripercuote sul corpo fisico e viceversa.

Si consiglia di mangiare gli alimenti proposti il più possibile crudi per potenziarne l’effetto.

1° chakra

Colore: Rosso; colori complementari: marrone, nero, grigio.

Organi fisici collegati al primo chakra: ano, retto, ultimo tratto dell’intestino, arti inferiori, colonna vertebrale all’altezza del sacro e del coccige. Corrispondenza con sangue e apparato circolatorio.

Ghiandola endocrina del primo chakra: ghiandole surrenali.

Alimenti particolarmente indicati: barbabietola rossa, anguria, fagioli azuchi rossi, cavolo rosso, ciliege, cipolla rossa, corbezzolo, fagioli rossi, fragole, lamponi, mela rossa, melograno, peperone rosso, peperoncino rosso, pomodoro, radicchio rosso, ravanelli, rape, bacche di rosa canina, ribes rosso, datteri…

Sono anche indicati i semi: mandorle, noci, nocciole, semi di lino, sesamo, girasole, zucca , chia, canapa, papavero, anacardi, grano saraceno e anche i cereali avena, segale, orzo, grano…

Al contrario la carne e le proteine animali trattengono molta energia nella parte inferiore del corpo, impedendole di fluire i chakra superiori, inoltre non è necessario mangiare carne per avere un buon radicamento del chakra di base.

2° chakra

Colore: arancione. Colore complementare: bianco latte.

Organi fisici: collegamento all’apparato genitale: pene, vagina, testicoli, prostata, utero, ovaie. Intestino. Reni, vescica urinaria. Colonna vertebrale nella zona lombare.

Ghiandola endocrina del secondo chakra: gonadi e testicoli.

Al secondo chakra sono associati tutti i liquidi come alimenti del chakra poiché esso è collegato all’acqua e vi fanno parte tutti gli alimenti inerenti le tipologie di succhi, bevande e tisane. Il colore associato al secondo chakra è l’arancione.

Alimenti particolarmente indicati: arance, carote, clementine, cachi, albicocche, nespole, lenticchie arancioni, mandarini, mango, melone, nespole, curcuma, pesca, scalogno, zafferano, zucca….

3° chakra

Colore: Giallo

Organi fisici: collegamento al sistema digestivo e all’assimilazione fisica del cibo e di tutto ciò che concerne il nutrimento. Influenza organi quali stomaco, milza, fegato, intestino tenue, diaframma.

Ghiandola endocrina: pancreas.

Alimenti particolarmente indicati: ananas, banana, camomilla, ceci, cedro, cotogna, fiori di zucca, limone, mais, mela gialla, miele, olio, patata, topinambur, peperone giallo, pere gialle, pesca gialla, pompelmo, senape, susine gialle, castagne, zenzero, senape, miglio, quinoa.

4° chakra

Colore: Verde

Organi fisici: collegamento al cuore, al sistema circolatorio e respiratorio, ai polmoni, al sistema immunitario, a braccia e mani.

Ghiandola endocrina a cui è collegato è il timo.

Alimenti particolarmente indicati: asparagi, sedano, avocado, baccelli, basilico, bietola, cappero, carciofo, cardo, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo cinese, cavolo rapa, cedro, cetriolo, cicoria, cime di rapa, crescione, fagiolini, finocchio, fichi, Kiwi, lattuga, cavolfiore, mela verde, melissa, olive verdi, ortica, pepe verde, peperone verde, piante aromatiche (alloro, timo, rosmarino, salvia, origano, menta, rucola, maggiorana, basiico…), piselli, pistacchi, porro, prezzemolo, spinaci, uva bianca, songino, zucchine, alghe, germogli.

5° chakra

Colore: Blu

Organi fisici: la trachea, la gola, le corde vocali, il naso, le orecchie.

Ghiandole endocrine della tiroide e delle paratiroidi.

Alimenti particolarmente indicati: frutta molto matura tra cui prugne, uva nera, mirtillo, prugnole, ma anche fiori tra cui non ti scordar di me, fiori di cicoria, fiori di borragine, rosmarino (fiori), cardo. Il quinto chakra possiede qualità poste nell’alto della catena alimentare perché il suo cibo quando è maturo e pronto cade a terra per essere raccolto e mangiato senza arrecare danno a nulla e nessuno. Non necessita nemmeno dell’uccisione della pianta per poterne usufruire ma solo dell’attesa adeguata perché l’alimento sia pronto.

6° chakra

Colore: Indaco

Organi fisici: è collegato all’occhio sx, al naso, alle orecchie e al cervello

Ghiandola endocrina: pituitaria o comunemente conosciuta come ipofisi

Alimenti Particolarmente consigliati: digiuno

7° chakra

Colore: Viola, bianco trasparente, oro

Organi fisici: Dal punto di vista fisico è collegato alla parte superiore del cervello e all’occhio dx

Ghiandola endocrina: pineale o conosciuta come epifisi.

Alimenti particolarmente consigliati: digiuno

Per il sesto chakra e il settimo chakra non esistono in verità alimenti particolari poiché siamo già a un livello vibratorio troppo superiore e questo crea notevole difficoltà, ad esso è collegato solamente il digiuno completo visto che né questo chakra né quello successivo sono collegati minimamente alla fisicità materiale.

Conclusioni: concordanza tra vari metodi nutrizionali

Il sistema nutrizionale dei chakra in base al loro colore è in pieno accordo anche con altri approcci nutrizionali ovvero la nutrizione vegana crudista, l’alimentazione per promuovere il pH alcalino, con l’energia vibrazionale degli alimenti misurata da Simoneton e con i principi dell’alimentazione detossificante secondo l’igiene naturale e soprattutto tiene conto del fatto che è la luce catturata dagli alimenti che ci nutre.

Si consiglia di nutrire i chakra nel loro insieme e in maniera equilibrata perché l’energia possa scorrere in maniera fluida da un chakra all’altro senza trovare ne eccessi ne insufficienze di funzionamento anche per evitare che chakra contigui sopperiscano al lavoro gli uni degli altri in una situazione di disequilibrio.

Nutrirsi di alimenti vivi, colorati e pieni di luce è un ottimo modo per tenere in perfetta salute sia il nostro corpo che la nostra mente, avere più fantasia, più vitalità e sentirsi in armonia con se stessi, con il mondo e con gli altri.